prova La leggenda di Beowulf: film

La leggenda di Beowulf

La leggenda di Beowulf
Titolo originale: Beowulf
Produzione: Usa
Durata: 114
Genere: Azione/Fantastico
Regia: Robert Zemeckis
Uscita: 2007-11-16
Attori principali: Shay Duffin, Brendan Gleeson, Angelina Jolie, Alison Lohman, Anthony Hopkins, John Malkovich, Robin Wright Penn, Ray Winstone, Sebastian Roch?, Crispin Glover
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 7.3/10 (21 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Il guerriero Beowulf viene chiamato per difendere il castello del re danese Hrothgar.
Recensione:
Tratto dall’omonimo poema epico anglosassone, una maledizione incombe nel castello di Hrothgar (Anthony Hopkins), in cui ogni notte Grendel, un demone ancestrale, terrorizza e uccide i cittadini. A Beowulf, eroe senza macchia e senza paura, il compito di eliminarlo regalando la pace alla Danimarca. Come spesso accade nella trasposizione di un’opera cartacea in pellicola, si plasma la duttile letteratura adattandola alle tecniche cinematografiche. Pare però che Zemeckis (“Ritorno al futuro” – “Polar Express”) abbia calcato oltremodo la mano e abusato di tecnologia, realizzando un prodotto sterile e insignificante. L’innovativo regista, spremendo il cospicuo budget a disposizione, sfrutta l’ultima moda hollywoodiana, il “performance capture”: elettrodi disposti nella tuta degli attori e collegati al computer che capta ogni movimento del corpo. Tuttavia l’ostentazione del lusso digitale subisce la pena del contrappasso, avvolgendo i protagonisti in un velo di inespressiva partecipazione emotiva che rende il film privo di sentimento. E se alla mancanza di intensità si aggiunge un abbondante surplus di stereotipi e luoghi comuni condito dall’arrogante saccenza di Beowulf, eroe epico positivo stravolto dalla creatività del regista americano, la pesante sentenza nei confronti di uno dei film più attesi del mese giunge dopo appena mezz’ora di lungometraggio. L’unica nota positiva è la presenza a comparsa di Angelina Jolie, la sola a conservare un briciolo di umanità nei panni della – seppur digitale – orchessa in tacchi a spillo e madre di Grendel.
Voto: 5
Paola Priola

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione