prova The Wackness - Fa la cosa sbagliata: film

The Wackness - Fa la cosa sbagliata

The Wackness - Fa la cosa sbagliata
Titolo originale: The Wackness
Produzione: U.S.A.
Durata: 110'
Genere: Commedia, Drammatico
Regia: Jonathan Levine
Uscita: 2009-08-28
Attori principali: Ben Kingsley, Olivia Thirlby, Method Man, Josh Peck, Mary-Kate Olsen, Famke Janssen, Peter Conboy
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 10.0/10 (1 voto)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Nella New York del 1994, anno di punta della storia del rap, Luke e il dottor Squires hanno qualche problema. Tra tendenze suicide e rapporti di coppia complicati, i due hanno un obiettivo comune: il sesso.
Recensione:
“tu stai vivendo, è fantastico vivere, farsi spezzare il cuore, ritrovarsi a terra con la faccia nel fango, rialzarsi in piedi..avere il batticuore!” Sulle labbra del Dottor Squires (Ben Kingsley), psichiatra depresso e assuefatto di psicofarmaci, è riassunto il messaggio filmico de “The Wackness – fà la cosa sbagliata”. Destinatario dell'arringa retorica Luke Shapiro, un diciottenne triste e arrabbiato, che passa le sue giornate ascoltando musica hip hop e vendendo erba spacciandola per gelato. Luke è il classico ragazzo a muso duro, il più “impopolare tra i popolari”, inesperto con le ragazze e con la bocca piena di astio nei confronti dei suoi genitori, colpevoli di non voler crescere nei loro sconfinati litigi. Convintosi di essere depresso frequenta lo studio di uno psichiatra, la cui di norma lauta parcella si traduce in pochi grammi d'erba. The Wackness è ambientato nel 1994, l'anno in cui l'hip hop esplose con tutta la sua energia – o rabbia, che dir si voglia – attraverso il writing, il clothing e ovviamente il rap. Jonathan Levine allinea perfettamente il plot e la regia a tale filosofia di vita, regalando una colonna sonora dai nomi noti - Notorius Big, per citarne uno – che accompagna l'evoluzione dei due protagonisti: con il susseguirsi di eventi tragicomici, tra i due nascerà un'amicizia sul filo di due generazioni differenti, sostenendosi reciprocamente sulla fragilità dell'altro.
Voto: 7
Paola

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione