prova X-Men - Le origini: Wolverine: film

X-Men - Le origini: Wolverine

X-Men - Le origini: Wolverine
Titolo originale: X-Men Origins: Wolverine
Produzione: U.S.A.
Durata: 120'
Genere: Azione, Fantastico, Fantascienza
Regia: Gavin Hood
Uscita: 2009-04-29
Attori principali: Hugh Jackman, Ryan Reynolds, Liev Schreiber, Dominic Monaghan, Lynn Collins, Danny Huston, Daniel Henney, Taylor Kitsch
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 0.0/10 (0 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Assassinato a causa di un malinteso il padre, il piccolo Wolverine e il fratello Victor scappano di casa. Dopo aver combattuto in Normandia e condannati a morte invano per cattiva condotta, sono arruolati da Stryker in un gruppo di militari mutanti in cerca di una misteriosa pietra in Africa. Ma abbandonati i compagni a causa della loro efferatezza, l'eroe si rifugia in Canada per sei anni dove, oltre a un lavoro (come taglialegna) trova anche l'amore. Skryter Ŕ per˛ alla sua ricerca per chiedere il suo aiuto nella cattura del fratello, ormai incontrollabile. Victor Ŕ giÓ nelle vicinanze e non esita ad uccidere la compagna per richiamare la sua attenzione. Wolverine allora si sottopone a un esperimento che ha come fine la conversione delle sue ossa in acciaio ma si scopre vittima di un complotto.
Recensione:
Il sudafricano Gavin Hood ( regista di "Tsotsi", premiato con l'Oscar nel 2005) non si sforza nella ricerca di innovazione in un sottogenere ormai affermatosi come quello fumettistico, pur non farneticando nella ricerca ossessiva di suggestioni visive e mantenendo un regia accorta e pulita. "Wolverine" dunque tira fuori gli artigli ma le sue acrobezie esprimono un senso dello spettacolare ormai perso e reciclato: al di lÓ infatti degli effetti speciali e qualche (poche) sequenze interessanti il film si avvinghia a troppi colpi di scena accatastati nell' ultima mezz'ora, agendo a buon ritmo ma limitandosi ad un intrattenimento che ormai non soddisfa pi¨ nessuno. Nemmeno la latente trama dei contenuti riesce a farsi individuare sepolta dalle attrazioni del digitale, con la stancante e pigra riproposta dell'eroe in conflitto tra bene e male, tra amore ed odio, tra umanitÓ e ferinitÓ con tanto di donna amata che si improvvisa "pedagoga". Ma pu˛ anche darsi che sia lo spettatore ad essere abituato male e al meglio. Hood pecca inoltre di poca abilitÓ nel maneggiare i comprimari come Ryan Reynolds (Wade) e il veterano di "LOST" Dominic Monaghan (Beak) e ricerca il baricentro del film esclusivamente nelle spericolate azioni di un Hugh Jackman che si conferma attore versatile e da tenere costantemente sott'occhio. Chi ha amato il personaggio di Wolverine non esiti ad entrare in sala con il solo consiglio d'intrattenersi fino a metÓ dei titoli di coda, tutti gli altri possono anche dirigersi nelle altre sale. I primi due episodi della saga diretti da Bryan Singer restano senza dubbio i migliori.
Voto: 6,5
Riccardo Balzano

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione