prova 27 Dresses: film

27 Dresses

27 Dresses
Titolo originale: 27 Dresses
Produzione: U.S.A.
Durata: 107
Genere: Commedia/Romantico
Regia: Anne Fletcher
Uscita: 2008-03-21
Attori principali: Katherine Heigl, James Marsden, Malin Akerman, Edward Burns, Judy Greer, Melora Hardin, Krysten Ritter, Alexa Havins, Maulik Pancholy, Chuck Slavin
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 7.8/10 (6 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Jane organizza matrimoni ed è innamorata del suo capo, George. Incontra Kevin, un cinico ragazzo che scrive per la pagina di cronaca rosa del giornale locale, in cui omaggia i novelli sposi con articoli strappalacrime. Tess, una modella, sorella di Jane, conquista George che intende sposarla. Intanto Kevin fa la corte alla giovane altruista... la situazione diviene per lei intollerabile.
Recensione:
Divertente commedia sull'amore senza però troppi spunti originali. Anne Fletcher ( "Step up" ), esperta coreografa, sembra annoiarsi stavolta, lavorando su una sceneggiatura priva di note musicali: la sua regia risulta quindi piatta e anonima. Buona l'interpretazione di Katherine Heigl ( vista di recente al cinema con "Molto incinta" e nella serie televisiva "Grey's Anatomy" ) e di James Marsden ( il principe azzuro in "Come d'incanto" ). I personaggi di contorno risultano solo "abbozzi", che non suscitano alcuno interesse e praticamente inutili allo svolgersi della storia. Finalmente viene rivalutata la figura maschile ( straziata in opere come "L'amore non va in vacanza"), mettendo in luce i suoi aspetti più divertenti e garbati. E' sicuramente un altro prodotto che poggia enormemente sulla bellezza degli interpreti: Katherine Heigl, dal volto semplice e non appesantito da enormi quantità di trucco ma bella ugualmente, James Marsden ed Edward Burns, l'uno dal sorriso smagliante e l'altro dallo sguardo ammiccante, entrambi mori e cerulei. Non vi è alcuna novità dunque, si ha l'impressione di aver già visto tutto ma si ride di tanto in tanto per qualche buona trovata umoristica. Se "cinico" è definito all'interno del film Kevin, la pellicola nel suo complesso risulta altrettanto tale: le due sorelle si odiano e diventano rivali; il padre non interviene nel loro "scontro" affermando che è un problema loro e che non gli riguarda; Jane risulta davvero sfruttata da chi le sta intorno, incapace di reagire e imporsi, divenendo vittima di un mondo approfittatore. C'è poi "l'epifania" ( quella joyciana) e il cambiamento radicale. Anonime musiche di Randy Edelman. Alla sceneggiatura lavora Aline Brosh McKenna, la stessa de "Il diavolo veste Prada". Film piacevole ma che si appresta facilmente a cadere nel dimenticatoio.
Voto: 6,5
Riccardo Balzano

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione