Il caso di Charles Dexter Ward (Howard P. Lovecraft

)

Trama e Recensione di:
Il caso di Charles Dexter Ward (Howard P. Lovecraft )



L’autoreHoward Phillips Lovecraft è considerato uno dei più grandi scrittori di horror della storia. Nacque il 20 agosto del 1890 a Providence, nel Rhode Island. Trascorse un infanzia triste, in totale solitudine, e in un ambiente familiare infelice. In seguito fu costretto ad affrontare grandi difficoltà economiche, dalle quali non si liberò mai. Iniziò la sua carriera come revisore di testi narrativi, un lavoro pagato male e sgradito. In seguito conquistò fama diventando una vera e propria leggenda. Morì il 5 marzo del 1917, ma con la sua morte nasceva il suo mito.
I suoi romanzi sono paragonabili solo a quelli di Edgar Allan Poe per l’atmosfera e lo stile così insolito. Ed entrambi sono un must per gli appassionati del settore.

TramaCharles Dexter Ward è un tranquillo studioso di antichità che subisce un repentino quanto sostanziale cambiamento: sempre chiuso in casa riduce i contatti con gli amici e i familiari quasi a zero. Dal suo laboratorio si sentono provenire i suoni più strani: risa diaboliche, litanie sconosciute e voci d’oltretomba. Solo il Dr. Willet, un amico di Ward, riuscirà a venire a capo dell’orribile mistero.

NB: presto verrà aggiunta la trama dettagliata. In cui verrà ripercorso il filo narrativo in maniera dettagliata.

RecensioneLa trama breve non rende giustizia a questo breve capolavoro dell’horror: lungo solo un centinaio di pagine scorre via in una lettura intensa che ci trascina in un abisso di orrore. Il libro è una delle opere migliori e più note del celebre scrittore americano, il romanzo parte con l’affascinarci raccontandoci le scoperte di un giovane studioso alla ricerca di informazioni su una misteriosa vicenda che coinvolgeva un suo parente avvenuta centinaia di anni prima. Ma le informazioni sono state cancellate volutamente per nascondere qualcosa che sembra designarsi come orrendo e satanico.
La seconda parte è però ancora più avvincente, per arrivare verso il finale ad una delle migliori descrizioni di orrore che siano mai state scritte. Stupenda la scena in cui uno dei protagonisti rimane chiuso nel sotterraneo senza una torcia e con… beh non vi rovino la sorpresa.
Buona lettura.

Gik25