prova Videodrome: film

Videodrome

Videodrome
Titolo originale:
Produzione: Usa
Durata:
Genere: Horror
Regia: David Cronenberg
Uscita: 0000-00-00
Attori principali: James Woods, Sonja Smiths, Deborah Harry, Jack Creley
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 8.1/10 (16 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Max (James Woods) è il direttore di una piccola rete televisiva che tenta di dare al pubblico materiale pornografico sempre più shockante. Tramite un appassionato di video-programmazione, nonché pirata dell’elettronica, scopre i programmi della Videodrome, un’emittente clandestina specializzata nell’hardcore sadomaso più violento. Spinto da una curiosità ambiziosa, Max si mette in contatto con questo network, anche perché Niki (Deborah Harry), la donna con cui ha una relazione che sfiora il sadomasochismo, scompare dopo avergli rivelato l’intenzione di lavorare per la Videodrome. Così, dopo la scoperta delle reali intenzioni della Videodrome, per Max inizia un incubo che lo porta in uno stato continuamente oscillante tra allucinazione e realtà e lo fa diventare un automa al servizio della Videodrome per aprire la strada al piano di dominio delle menti tramite la TV.
Recensione:
"Videodrome "non è solo un crescendo allucinatorio che rende avvincente la trama dall’inizio alla fine, ma è soprattutto una profonda riflessione sulla comunicazione che David Cronenberg ci suggerisce. Nonostante il film possa sembrare una masturbazione mentale, la trama e la struttura sono coerenti con il messaggio che il regista vuole trasmettere. Cronenberg sembra dirci che l’essenza della cinematografia si basa sull’asse guardare – essere guardati. Così facendo "Videodrome"diventa un antesignano della spettacolarizzazione globale in cui tutti sono coinvolti e dove non ci sono né “colpevoli” né “vittime”. Un "Grande fratello"ante-litteram? Perché no? Nella rappresentazione spettacolarizzata del mondo offertaci da Cronenberg intervengono altri spunti interessanti, come p.e. la riflessione sulla nostra realtà che, come si sente nel film, non è altro che la nostra percezione della realtà così come ci è stata insegnata dalla nascita. Anche se "Videodrome"propone una “realtà separata” esclusivamente televisiva, è pure sempre un’altra realtà, uno spostamento del nostro “punto di unione”, e ciò fa pensare che Cronenberg abbia letto le opere di William Blake o più recentemente di Carlos Castañeda. Considerando questo aspetto, si può aggiungere che "Videodrome"contiene i germi di "Matrix "(1999) di Larry Wachowski.

Per quanto riguarda i mass media, Cronenberg non si espone in modo critico o inquisitorio, come invece farà Oliver Stone 11 anni più tardi nel psichedelico "Natural born killers "(1994). Nel mondo, anzi nella realtà dominata dalla Videodrome non ci si preoccupa di criticare o condannare la TV, dato che è quello l’unico “occhio dell’uomo sulla tavolozza del mondo”. In un mondo “videodromezzato” criticare la TV è come se l’uomo nella realtà quotidiana condannasse i limiti della sua natura.
Voto: 8,0
STEFAAN-OI

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione