prova Signs: film

Signs

Signs
Titolo originale: Signs
Produzione: Usa
Durata: 1h e 46'
Genere: Drammatico
Regia: M. Night Shyamalan
Uscita: 2002-10-18
Attori principali: Mel Gibson (Padre Graham Hess ), Joaquin Phoenix (Merrill Hess)
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 7.9/10 (44 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Graham Hess è un pastore della Pennsylvania. La mortedella moglie per un incidente stradale lo toccaprofondamente al punto che deciderà di lasciare ilsacerdozio e dedicarsi interamente alla famiglia assiemeal fratello Merrill. Si verificano strani eventiinspiegabili e nel suo campo di grano, compaiono cerchi didimensioni enormi. Il mistero si infittisce quando scopreche gli stessi cerchi sono stati fatti contemporaneamentein numerosissimi luoghi sparsi per tutto il mondo…
Recensione:
Difficile formulare un giudizio su questo film: datoche è firmato da Shyamalan già regista di “Unbreakable”,“Il Sesto senso” e “Filadelfia”, ci aspetteremmo un filmsuperbo e all’altezza degli altri due titoli. Ma veniamodelusi. Il film è si carico di suspense e tensione, maanche banale, prevedibile e “commerciale”. D’altro cantoil pubblico non gli ha reso giustizia: forse per ladelusione dopo aver visto il trailer davvero avvincente, oavendo viste deluse le proprie aspettative, molti glihanno mosso critiche eccessivamente dure.

Signs punta molto sui “crop circe”, fenomeno che proprioin questi tempi sta divenendo sempre più conosciuto. Daltrailer sembrava quasi ci si dovesse aspettare una“rivelazione” o qualcosa di simile, mentre invece i cerchisono più che altro uno specchietto per le allodole: se neparla solo nella prima parte del film e in modo del tuttobanale…
In altre parole sono solo un espediente per aggiungere unacomponente di mistero al film.

Signs è a metà tra la descrizione drammatica della vitadi un uomo che ha perso la fiducia nella religione e unastoria d’alieni. I lunghi dialoghi sulla fede che occupanogran parte del film sono spesso patetici, monotoni espesso anche noiosi e sterili. Troppe crisi religiose,troppi problemi esistenziali, ma nonostante tuttol’atmosfera notturna e la bravura del regista (che riescea mantenere alta l’attenzione) ci tengono (quasi sempre)in tensione e in attesa di sapere cosa accadrà poi.

Sebbene non voglia rovinarvi la trama, dato che i vostriamici e parenti vi avranno probabilmente parlato di Signscome di un film in cui “alla fine non succede nulla” o che“lascia tutto in sospeso” vi avverto che questa è unadelle critiche ingiuste: Signs da una risposta a moltedomande e… qualcosa (di grosso) succede. Insomma io viconsiglio di vederlo, ma non fate l’errore di chi l’havisto al cinema: aspettatevi un film discreto, con unabuona regia, ma troppi dialoghi inutili.Voto:7,5
Voto: 7,5
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione