prova Risvegli: film

Risvegli

Risvegli
Titolo originale: Awakenings
Produzione: Usa
Durata: 121
Genere: Drammatico
Regia: Penny Marshall
Uscita: 1990-08-07
Attori principali: Robert De Niro, Robin Williams, Julie Kavner, Ruth Nelson, John Heard, Penelope Ann Miller, Alice Drummond, Judith Malina, Barton Heyman
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 9.1/10 (13 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Risvegli Ŕ la trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo di Oliver Sacks. Tratto da uno dei venti racconti presenti nel libro, vede Robert De Niro calarsi nei panni di un paziente che sopravvive alla malattia del sonno, diffusasi capillarmente a cavallo fra gli anni venti e trenta.
Recensione:
Liberamente ispirato a una storia vera, Risvegli racconta dei trascorsi medici nel Mount Carmel Hospital di New York dove, fra il 1969 e il 1973, un medico (personificato da Robin Williams) sfrutta le inaspettate doti della droga L-Dopa per curare i suoi pazienti, affetti da un'encefalite letargica - la cosiddetta malattia del sonno. Convintosi che lo stato dei degenti sia in realtÓ uno stadio avanzato del morbo di Parkinson, somministra loro quotidianamente 500 mg di L-Dopa e i risultati sono sorprendenti. In particolare, si distingue per la rapida ripresa Leonard (Robert De Niro) vera cavia dell'esperimento. In breve tempo tutti i pazienti si svegliano da un sonno durato trent'anni, mentre la stampa nazionale grida al miracolo. Tuttavia, le iniziali aspettative si rivelano solo delle illusioni: Leonard mostra segni di peggioramento e ben presto scivola, insieme a tutti gli altri, nella quiete del sonno encefalico. Risvegli Ŕ, in primo luogo, il manifesto della volontÓ umana di trovare un rimedio a mali definiti incurabili. La caparbietÓ manifestata da un intimidito e superbo Robin Williams Ŕ espressione dell'incessante sforzo dell'intelletto contro le malattie e le sofferenze umane. In secondo luogo, la pellicola sceneggiata da Steven Zaillan mostra lucidamente gli abbagli che la scienza medica oggigiorno compie, criticando aspramente il culto delle capacitÓ umane nel campo medico-scientifico. L'illusione, poi la delusione: Ŕ il meccanismo del dramma giostrato da Penny Marshall, che vede un virtuoso Robert De Niro nelle vesti di un uomo che, svegliatosi dopo vent'anni, cerca di tornare a una vita normale, salvo poi sprofondare - a causa di una terapia rivelatosi fallimentare - in un sonno che non conosce altro risveglio. Penny Marshall guida lentamente lo spettatore verso uno struggente finale, ma non risparmia sequenze di leggera ironia all'interno del manicomio, necessaria per rendere digeribile una pellicola trasudante malinconia.
Voto: 7
Paola Priola

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione