prova Pranzo di ferragosto: film

Pranzo di ferragosto

Pranzo di ferragosto
Titolo originale: Pranzo di ferragosto
Produzione: Italia
Durata: 75'
Genere: Drammatico
Regia: Gianni Di Gregorio
Uscita: 2008-09-05
Attori principali: Valeria de Franciscis, Marina Cacciotti, Maria Cali, Grazia Cesarini Sforza, Alfonso Santagata, Gianni Di Gregorio, Luigi Marchetti, Marcello Ottolenghi, Petre Rosu
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 4.7/10 (3 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Gianni è un uomo di quarant'anni succube della propria madre. Vive un'esistenza anomala fatta di faccende domestiche e pratiche all'osteria. Un giorno il proprietario della casa in cui vive, decide di scalare parte dei suoi debiti in cambio di badare alla madre il giorno di ferragosto. Gianni accetta, trovandosi a che fare con tre donne, inclusa la zia del proprietario. Interdetto da tre caratteri così diversi, finisce per sentirsi male e andare in ospedale..
Recensione:
Che cosa ci abbia visto la critica italiana (e non) di tanto speciale nell’opera prima dello sceneggiatore e aiuto regista Gianni Di Gregorio resta un mistero irrisolto, almeno secondo chi scrive. Incentrato su una vicenda, in base a quanto dice lo stesso regista, in parte realmente accaduta, il film si sviluppa secondo una trama che sembra più uno smilzo e misero appunto messo giù alla buona, tanto perché non si ha di meglio da fare: Gianni è un uomo di mezza età che condivide con l’anziana madre un piccolo e modesto appartamento di un altrettanto modesto quartiere di Roma. Visti i numerosi debiti accumulati da Gianni, Alfonso, l’amministratore, si offre di estinguere parte di essi proponendogli di ospitare sua madre e sua zia per un paio di giorni. Gianni, anche se mal volentieri, accetta, e ben presto, anche il suo medico gli chiederà un favore dello stesso genere, ritrovandosi così a confronto con i difficili caratteri di quattro allegre vecchiette nelle afose giornate che precedono Ferragosto. La sceneggiatura è poco più di un abbozzo, tanto che la recitazione di tutti gli interpreti è dichiaratamente frutto di improvvisazioni, e in effetti, l’atmosfera ‘artigianale’ e di estremo realismo si avverte facilmente, ma è davvero troppo poco per stupire. Non che l’intento del film sia questo, viste le pochissime pretese e il ridottissimo budget, ma oltre ad una vaga e neanche troppo sentita simpatia per le quattro vecchiette, allo spettatore non resta in mano null’altro, se non la sensazione di trovarsi di fronte ad una pellicola piuttosto furba che utilizza la sua modestia come unica arma di intrattenimento per il pubblico. Davvero difficile risulta anche catalogare il film in un preciso genere cinematografico, dal momento che una serie di scenette costruite praticamente sul nulla della durata di neanche un’ora e dieci minuti non costituiscono neanche un film, ma soltanto un tentativo, (c’è da dirlo) per altro riuscito, di fare fortuna. E se è davvero questo il miglior metodo per fare fortuna in Italia, almeno in ambito cinematografico, allora seguiremo tutti le orme di Gianni Di Gregorio…
Voto: 5,0
Francesco Manca

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione