prova Natale in India: film

Natale in India

Natale in India
Titolo originale: Natale in India
Produzione: Italia
Durata: 1h e 36'
Genere: Commedia
Regia: Neri Parenti
Uscita: 2003-12-19
Attori principali: Christian De Sica, Massimo Boldi, Enzo Salvi, Biagio Izzo, Max Cavallari, Bruno Arena.
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 8.1/10 (32 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Durante un blackout un’infermiera scambia i figli appena nati del giudice Enrico Paci e di Fabio De Tassis. Passano gli anni e ritroviamo i figli dei due, ormai diventati ragazzi, con caratteri molto diversi da quelli dei rispettivi padri. Iniziano così le avventure dei due padri coi loro presunti figli in India.
Recensione:
Dopo i numerosi “tentativi” succedutisi in tanti anni, l’onnipresente film di natale della coppia Boldi - De Sica non ha ancora migliorato il proprio livello. Tuttavia, questa volta al contrario dell’anno passato il regista, Neri Parenti, costruisce un film, non solo senz’alcuna pretesa intellettuale, ma nemmeno molto divertente né tantomeno ben fatto.

Tra gag, equivoci e numerose bellezze verranno presentate le avventure della celebre coppia comica secondo uno schema che si ripercorre invariato ormai da diversi anni. La comicità non è certo del tipo più intellettuale, anzi, è costituita da volgarità di ogni tipo e gag al limite del demenziale. Ma fra tanti film seri e perbenisti non sono pochi gli italiani che apprezzano il genere comico che potremmo definire “nostrano”; e non è giusto quindi negare questi meriti al regista e al film.

Il cast è sempre il solito con poche novità nei personaggi secondari. Neppure gli attori principali tuttavia recitano come dovrebbero. Boldi interpreta, come al solito, l’uomo “serio” e ligio al dovere, mentre De Sica è il classico “furbo”, amante dell’ozio e sempre pronto a comportamenti opportunistici.

Insomma, un film senza pretese e leggermente peggiore dei suoi predecessori che piacerà, come sempre, ai fan della comicità di basso livello, e verrà disapprovato (come sempre) dalla critica ufficiale. Detto questo credo non ci sia bisogno di aggiungere altro, visto che, bene o male, sapete già cosa aspettarvi. Che altro aggiungere?
Voto: 6,5
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione