prova Miss FBI - infiltrata speciale: film

Miss FBI - infiltrata speciale

Miss FBI - infiltrata speciale
Titolo originale: Miss Congeniality 2: Armed and Fabulous
Produzione: Usa
Durata: 1h 54'
Genere: Commedia
Regia: John Pasquin
Uscita: 2005-05-06
Attori principali: Sandra Bullock, Regina King, Heather Burns, Ernie Hudson, William Shatner
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 6.0/10 (1 voto)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
L'agente dell'FBI Gracie Hart è divenuta troppo famosa per restare nell'ambiente operativo. Dopo il concorso di bellezza da lei vinto, durante una missione in abiti civili viene riconosciuta dai criminali mettendo a repentaglio la riuscita dell'intera operazione, è per questo che l'FBI la sceglie per rappresentarla nelle pubbliche relazioni. Ma una sua amica viene rapita e tutto torna come ai vecchi tempi.
Recensione:
Un filmetto simpatico, ma molto distante dal precedente. La trama è deludente e poco curata, i personaggi sono superficiali e la stessa Bullock recita maluccio un ruolo scritto malissimo. I dialoghi fanno quasi piangere e molte scelte registiche appaiono quasi assurde.

Sembra quasi che il regista abbia voluto trasformare una simpatica commedia d'azione (il primo film) in un film al limite del demenziale. Inoltre la figura del capo è resa talmente inetta ed arrogante, in situazioni così odiose, al limite dello spregevole, tali da far sospettare che il regista voglia allenarci a sopportare situazioni assurde senza alzare le mani (o voleva forse giustificare gli abusi di potere, l'arroganza e l'inettitudine).

Comunque la trasformazione della protagonista, prima da agente esperto a modella oca, poi viceversa di nuovo ad agente operativo non regge e suona veramente male, perché è troppo lenta e prevale espressamente una Bullock troppo sciocca.

Insomma, un film deludente, grazie a una pessima regia e una recitazione mediocre. C'è anche qualche spunto divertente, ma nel complesso non vale la pena di vederlo.
Voto: 6,0
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione