prova La sposa fantasma - Over her dead body: film

La sposa fantasma - Over her dead body

La sposa fantasma - Over her dead body
Titolo originale: Over Her Dead Body
Produzione: U.S.A.
Durata: 95'
Genere: Commedia, Romantico, Fantastico
Regia: Jeff Lowell
Uscita: 2008-04-24
Attori principali: Eva Longoria, Paul Rudd, Lake Bell, Jason Biggs, Lindsay Sloane, Stephen Root, Ali Hillis, Wendi McLendon-Covey, Kali Rocha, Colin Fickes, William Morgan Sheppard
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 5.5/10 (4 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Una sensitiva è tormentata dal fantasma della donna che stava per sposare il suo futuro marito..
Recensione:
Kate muore durante i preparativi del suo matrimonio con Henry. Il mancato sposo, disperato e spinto dalla sorella, si mette in contato con una medium pasticciona di cui poi si invaghirà. Kate, rimandata sulla terra, farà di tutto per evitare che tra i due nasca l’amore. Jeff Lowell, che di professione fa lo sceneggiatore (Il mio ragazzo è un bastardo) firma una commedia senza alcuna pretesa, il cui unico scopo è quello di divertire il pubblico. Ci riesce in parte, però, perché la prima metà della pellicola è alquanto noiosa, con una sceneggiatura fiacca e una recitazione piatta, dovuta, in parte, anche alla scarsa presenza sulla scena di Eva Longoria. Nella seconda parte il film svolta e diventa brioso con una comicità non volgare e a tratti spassosa. L’eccessivo dislivello tra le due parti, dunque, si fa sentire e il film ne risente. Il regista fa il suo compitino senza eccellere né deludere, portando a termine il suo lavoro senza lasciare il segno. Insomma, non è adatto a stare dietro la macchina da presa, e si vede. Eva Longoria riporta sul grande schermo il suo personaggio nella serie tv Disperate Housewives. Kate ha, infatti, molti tratti in comune con la casalinga disperata Gabrielle Solis, ma a fare la differenza tra il telefilm e ‘La sposa fanatsma’ è la sceneggiatura, che in questo caso non è all’altezza delle qualità recitative dell’attrice messicana. Brava, ma solo nella seconda parte, Lindsay Sloane, che quando la commedia prende ritmo, tiene bene il tempo e dimostra di avere una buona verve comica. Deludente Paul Rudd, la cui mimica facciale è praticamente assente, ha sempre la stessa espressione e non offre alcun contributo alla buona riuscita di questa operazione. Merita invece un plauso Jason Biggs che, tornato sulle scene dopo tre anni di assenza, dimostra di aver raggiunto una certa maturazione professionale e quando entra in scena fa sempre la differenza. Lo aspettiamo in qualche film di maggior levatura. Una commedia frivola, insomma, per una serata senza troppi pensieri.
Voto: 5,5
Francesco Balzano

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione