prova In the Valley of Elah: film

In the Valley of Elah

In the Valley of Elah
Titolo originale: In the Valley of Elah
Produzione: Usa
Durata: 120
Genere: Drammatico/Guerra
Regia: Paul Haggis
Uscita: 2007-11-23
Attori principali: Tommy Lee Jones, Charlize Theron, James Franco, Susan Sarandon, Josh Brolin, Jonathan Tucker
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 8.7/10 (7 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Mark Deerfield(Jonathan Tucker) soldato in ritorno dall'Iraq scompare misteriosamente dalla base in cui si trovava in licenza. Il padre Hank (Tommy Lee Jones) ex membro dell'esercito condurrà un'indagine privata, con l'aiuto della detective Emily Sanders (Charlize Theron) per scoprire dove possa essere suo figlio, fino a scoprire particolari inquietanti sulla sua vita in uniforme
Recensione:
Niente come la guerra distrugge le vite e le menti delle persone coinvolte. Paesi dilaniati dal dolore e dalla perdita, giovani che conoscono troppo presto una realtà pesante e ingiusta, che li cambierà per sempre. “Il cacciatore” di Michael Cimino descriveva cosa può fare un conflitto come quello del Vietnam ad una mente umana, gli orrori che può causare, e le azioni che può suscitare. Paul Haggis, dopo il suo successo agli Oscar con “Crash-contatto fisico”, forte film corale sul razzismo, ha scelto di dirigere un thriller a sfondo bellico, che rappresenta in tutto e per tutto le contraddizioni presenti negli Stati Uniti e il coinvolgimento del suo popolo nella più importante situazione politica e militare degli ultimi anni. Sebbene il tema sia stato riproposto più volte anche nei film in concorso a Venezia (il Redacted di DePalma ne è un esempio), questa pellicola non è semplicemente un ritratto, è un’elaborazione di un tema, che coinvolge la famiglia di un ragazzo in licenza, che scompare misteriosamente senza lasciare traccia. Il padre di Mike Deerfield, Hank Deerfield (Tommy Lee Jones) era un soldato, sebbene avesse già perso un figlio la sua natura non gli permise di fermarsi nel voler sentirsi fiero anche del secondogenito, tanto da non dare spazio alle lacrime, quando Mike chiamava casa, disperato, gridando di volersene andare. La detective Emily Sanders (Charlize Theron), prima di questo caso si occupava di piccoli crimini e casi imbarazzanti, che i suoi colleghi uomini le lasciavano volentieri, per poterla deridere a causa del suo sesso e del suo rapporto con il capo del distretto. Discriminazione, ipocrisia, cecità volontaria e il classico insabbiamento del governo sono gli elementi principali di questo film toccante e coinvolgente, che trabocca di umanità e quotidianità, Haggis introduce la politica resa sottofondo continuo (attraverso i media quali radio e televisione, che mai nessuno ascolta veramente) ma incessante, di promesse e false esultanze, di parole senza fatti concreti. La famiglia e i suoi lutti sono troppo spesso dimenticati e lasciati inascoltati, preferendo parole di speranza che calpestano vite umane, menti di ventenni torneranno (se fortunati) traumatizzate tanto da non sapere quando riconoscere un limite. Scelta di attori eccellente tra cui ritroviamo James Franco nel ruolo del sergente Dan Carnelli e la sempre più intensa Susan Sarandon, regia impeccabile e fotografia gelida, distaccata e spettatrice, in un deserto soffocante in cui segreti aspettano di essere svelati.
Voto: 8
Ambra Zamuner

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione