prova In compagnia dei lupi: film

In compagnia dei lupi

In compagnia dei lupi
Titolo originale: The Company of Wolves
Produzione: Gran Bretagna, Usa
Durata: 95
Genere: Commedia
Regia: Neil Jordan
Uscita: 1984-01-01
Attori principali: Angela Lansbury, David Warner, Graham Crowden, Brian Glover, Kathryn Pogson, Stephen Rea, Tusse Silberg, Micha Bergese, Sarah Patterson, Terence Stamp
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 5.5/10 (2 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Una ragazzina inglese sogna spesso di licantropi e lupi, visti come metafora di violentatori. la favola di cappuccetto rosso, rivista in chiave onirico - horrorifica con molti elementi di psicanalisi.
Recensione:
Lo stile sembra quello delle prime pellicole a colori, il ritmo lento, lentissimo, e il retrogusto onirico fin troppo tangibile. Pieno di doppi sensi, il film, presenta diverse chiavi di lettura alcune dall'interpretazione non banale. Non si tratta di un film sui lupi mannari ma di uno dai risvolti psicologici difficile da decifrare, il vero argomento trattato la violenza sessuale. "non correre da sola dentro il bosco, il lupo assume le pi strane forme, pi dolce la sua lingua pi aguzzi i denti". Buona parte delle scene sono legate ai sogni della protagonista e ai racconti della nonna. La sorella della protagonista viene uccisa dai lupi (violentata?) e i lupi da cui bisogna difendersi sono quelli che hanno il pelo dentro. Qualche scena disgustosa ed indubbiamente splatter, ma gli effetti speciali sono di bassissimo livello. Per grandissima parte del film la narrazione avviene attraverso delle favole raccontate. Il messaggio vagamente moraleggiante, ma ci sono diverse allusioni erotiche pi o meno velate, lo stile nel secondo tempo ricorda molto cappuccetto rosso. Nonostante il film incuriosisca vagamente lo spettatore, anche grazie a un'atmosfera abbastanza azzeccata, molte di queste fiabe sono quasi penose. Nel complesso comunque la tensione si mantiene comunque pi o meno a livelli di decenza. Alcune scene trasmettono persino una buona dose di angoscia, la regia non insomma assolutamente da buttare, ma - accidenti - troppe metafore, troppi significati, troppi giochi strani. In effetti la favola di cappuccetto rosso rivista coi lupi mannari. Si rimane sempre in attesa di un miglioramento che non c'. La vena erotica del film evidente, dai toni caldi, dagli atteggiamenti della protagonista, dal suo rapporto con i suoi coetanei, da tanti piccoli dettagli.
Voto: 6
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione