prova Il dolce e l'amaro - recensione trama film

Il dolce e l'amaro: trama e recensione

Il dolce e l'amaro
Titolo originale: Il dolce e l'amaro
Produzione: Italia
Durata: 98
Genere: Drammatico
Regia: Andrea Porporati
Uscita: 2007-09-05
Attori principali: Luigi Lo Cascio, Donatella Finocchiaro, Ornella Giusto, Renato Carpentieri, Gaetano Bruno, Pierluigi Misasi, Toni Gambino, Fabrizio Gifuni
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 6.0/10 (14 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Saro Scordia (Luigi Lo Cascio) Ŕ un ragazzino sveglio, brillante e intraprendente che finisce nelle mira di uomini di Cosa Nostra come futuro uomo d'onore..
Recensione:
Ennesimo tentativo tutto italiano di rappresentare la mafia - tematica quanto mai discussa e interessante - scrutandone aspetti diversi e non ancora trattati da cult movie (si pensi al Padrino, ai 100 passi). Il dolce e l'amaro, presentato al Festival di Venezia, non aggiunge niente di nuovo al piatto e anzi, ripercorre i topos propri del cinema nostrano: l'onore, l'impulsivitÓ, l'ira e l'idea che si possa avere tutto con un po' di soldi e una pistola. Caratterizzato da dialoghi con un forte accento siciliano (tant'Ŕ che delle volte risulta difficile capire il significato) per esaltare il realismo delle scene e con un buon pathos regalatoci dalle colonne sonore, tuttavia il lavoro di Alberto Porporati pecca nell'eccessiva lentezza della narrazione e per scelte stilistiche non impeccabili. La redenzione Ŕ rappresentata come il tentativo di un uomo, abituato sin da bambino ai valori della malavita organizzata, di trovare equilibrio in una vita normale lottando con le paure di un passato che lo perseguita ("Sono un morto che cammina..e chi lo aiuta un morto"). Interpretato da Lo Cascio, Saro Scordia Ŕ un bambino maturato troppo in fretta, cresciuto sotto l'ala protettiva della malavita, impulsivo e adirato con il mondo forse per la perdita prematura del padre, che trova la pace nella libertÓ di pensare per se stesso, rischiando le conseguenze delle proprie scelte.
Voto: 5
Paola Priola

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione