prova Il Signore del Male: film

Il Signore del Male

Il Signore del Male
Titolo originale: Prince of darkness
Produzione: Usa
Durata:
Genere: Horror
Regia: John Carpenter
Uscita: 0000-00-00
Attori principali: Donald Pleasence, Victor Wong, Jameson Parker
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 8.3/10 (28 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Un prete (interpretato da Donald Pleasence) contatta un prof. di fisica per fargli analizzare un vaso contenente una strana sostanza custodito nel sotterraneo di una vecchia chiesa. Il prof. e alcuni studenti si trasferiscono nell’ex-chiesa per aiutare il prete e per scoprire cos’è contenuto in quel recipiente. Dalla traduzione di un antico libro si scopre che in quel vaso è rinchiusa l’essenza del male e che Cristo era il figlio di Satana inviato sulla terra per ingannare gli uomini. Intanto nel sotterraneo il misterioso liquido comincia a uscire, impossessandosi dei membri della squadra di ricerca. La sostanza trova in una ragazza il corpo in cui crescere e preparare il ritorno del padre dal regno delle tenebre. Ma una studentessa, a cui va stretta la razionalità quotidiana, si sacrificherà gettandosi dentro lo specchio (la porta verso l’altra dimensione) per impedire che ne esca il signore del male.
Recensione:
All’epoca della sua uscita Il signore del maleè stato completamente ignorato sia dalla critica che dal pubblico, forse perché lo si è visto solo come un riepilogo dei temi e delle atmosfere dei variHalloween. Secondo me è un bel film e dimostra il talento di un regista che sembra perseguitato dalla sfortuna. L’abilità di Carpenter in questo film con una sola unità di luogo è sorprendente. La vicenda si svolge in una chiesa che, oltre a diventare un laboratorio di ricerca, è soprattutto un luogo d’in(s)contro tra scienza e fede religiosa. Da notare come la chiesa, nonostante si trovi tra case, uffici e palazzi, rappresenti un micro-cosmo all’interno di un macro-cosmo ignaro della minaccia che incombe. E proprio in questo luogo nel mondo, ma contemporaneamente isolato dal mondo, religione e scienza sono assediate dal soprannaturale. La fede subisce il primo colpo, quando il libro è tradotto; il prete si rende conto di come l’umanità sia stata ingannata per ca. 2.000 anni. Poi tocca alla scienza, la cui razionalità presuntuosa crolla di fronte a eventi estranei al suo limitato campo d’azione. L’idea di una chiesa-laboratorio sarà ripresa nel 1990 da Joel Schuhmacher in Linea mortale. Il film ha anche un altro spunto interessante: l’altra dimensione. Un mondo alla rovescia parallelo al nostro, dove regna un’altra realtà, o meglio un’anti-realtà. Lo specchio è il punto di contatto tra questi 2 mondi. Nel Signore del malesi intravede una visione manichea; la presenza nei dialoghi dei protagonisti di un’asse scienza-religione, male-bene, tenebre-luce, cattivo-buono, etc. conferma questa sensazione. Per concludere: Il signore del malefa veramente paura. La scenografia cupa e claustrofobica, l’angoscia e la tensione che crescono parallelamente allo sviluppo dell’essenza del male e l’evento soprannaturale che gioca al gatto e al topo con la razionalità umana rendono il film un’autentica trappola da incubo per chi dà per scontata la realtà quotidiana.
Voto: 8,0
STEFAAN-OI

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione