prova High Crimes: film

High Crimes

High Crimes
Titolo originale: High Crimes
Produzione:
Durata: 1h e 55'
Genere: Thriller
Regia: Carl Franklin
Uscita: 2003-05-09
Attori principali: Morgan Freeman (Charlie Grimes), Ashley Judd (Claire Kubik)
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 4.2/10 (5 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Claire è un avvocato di successo, felicemente sposata. Un giorno dei ladri irrompono in casa loro, ma riescono a metterli in fuga. Il giorno dopo, in pieno centro uno strano oggetto cade ai piedi della giovane coppia: una granata “flashbang” di quelle che usa la swat per stordire e accecare i criminali. E in pochi secondi i due vengono arrestati. Incredula e sbigottita la moglie minaccia di denunciare la polizia, ma scopre che nel prendere le impronte dalla loro villetta (per il furto) la polizia ha scoperto che il marito non è chi dice di essere: è un ex ufficiale dei corpi speciali dei marines, accusato di aver commesso una strage di civili. Claire decide di difendere il marito, e convince un abile avvocato ad aiutarla (Morgan Freeman). Claire e Charlie scoprono l’esistenza di losche manovre politiche e militari e minacciano di rivelarle alla stampa ma…
Recensione:
Tratto dal romanzo di Joseph Finder, il film è abbastanza avvincente e godibile, non si tratterà di un capolavoro, ma l’ottimo cast, con Ashley Judd e l’ineguagliabile Morgan Freeman, fa un ottimo lavoro.
Tra colpi di scena, segreti e scene cariche di tensione lo spettatore rimane incollato alla poltrona fino ai colpi di scena a catena finali (peccato siano molto prevedibili).

Il film è stato giudicato negativamente dalla critica, del resto come thriller è scarsetto, non ci siamo proprio: la trama è un po’ troppo piena di stereotipi, il colpo di scena finale non è affatto imprevedibile, c’è qualche scena in cui temiamo per il peggio, ma non succede mai nulla. La verità è che più che un thriller è un bel film d’avvocati!

E questo cambia tutto: giudici corrotti, segreti militari, prove inammissibili, collaboratori di cui non ci si può fidare: la lotta di una moglie-avvocato contro un sistema potente e corrotto, appoggiato da gente senza scrupoli pronta a fare del male pur di averla vinta. Il tutto condito da qualche scena d’azione, qualcun’altra che ci tiene col fiato sospeso e qualche piccolo colpo di scena se così lo si può chiamare (forse è più giusto dire eventi inaspettati)

Tutta la storia prosegue, senza ripetersi, sul filo del rasoio, ma il film non convince: perché? Semplice: non succede nulla! Le scene di tensione culminano sempre nel… niente. Il finale è prevedibile, i colpi di scena non ci lasciano stupiti, nessuna scena ci fa sussultare. La trama è scontata, vista e rivista, le scene non sono originali e non aggiungono nulla al film. In altre parole è come vedere un film già visto… un misto tra un film d’avvocati, uno di militari e un thriller. La brutta copia di “Codice d’onore”, del resto il regista è ai suoi primi film, diamogli il tempo di migliorarsi.

Insomma un film decente, magari anche carino, ma tutto fumo e niente arrosto. Peccato che il genere a cui appartiene sia strapieno di bei film e capolavori. In ogni caso il film è godibile, ma alla fine della visione permarrà un senso di delusione. Per intenderci non è un brutto film, ma non regge il confronto con gli altri.
Se vi capita vedetelo, ma non aspettatevi nulla di eccezionale.
Voto: 7,0
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione