prova Gomorra: film

Gomorra

Gomorra
Titolo originale: Gomorra
Produzione: Italia
Durata: 140
Genere: Drammatico
Regia: Matteo Garrone
Uscita: 2008-05-16
Attori principali: Toni Servillo, Gianfelice Imparato
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 7.5/10 (15 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Cinque storie ambientate nella Scampia tristemente famosa per la presenza della camorra: Totò, bambino tredicenne che decide di diventare uno scissionista; Marco e Ciro, due giovani col mito di Toni Montana, che intraprendono da soli una folle scalata ai vertici del Sistema;Ciro, porta-soldi che si accorge troppo tardi di non essere tagliato per la guerra interna che si sta creando; Pasquale, sarto al soldo di un camorrista, che si ‘vende’ ai cinesi; Roberto, giovane dal cuore d’oro che si ribella a Franco, suo datore di lavoro che smaltisce illegalmente rifiuti tossici nella campagna campana
Recensione:
Vedere Gomorra è come leggere un pezzo di cronaca ottimamente realizzato. Spiega, senza reticenze, com’è organizzata e come prolifera un’organizzazione, anzi un Sistema come quello camorristico, e come trovi una rassegnata e tacita complicità nel territorio campano. La Gomorra descritta da Saviano nel suo best-seller, trova una perfetta corrispondenza nella sceneggiatura del film (scritta dallo stesso autore e dal regista Matteo Garrone insieme ad Ugo Chiti, Massimo Gaudioso, Mauro Bracci e Gianni Di Gregorio), che ti sbatte in faccia la sua cruda realtà senza troppi fronzoli. Per questo, la pellicola del regista romano risulta essere un ottimo film d’inchiesta, cui però manca il pathos e la capacità di far appassionare il pubblico alle vicende dei vari protagonisti. Anche laddove si parla di infanzia rubata, l’episodio del piccolo Totò, non strappa una lacrima né un’emozione, ma solo sdegno e disgusto, sia ben inteso, sempre vissuto da lontano. Lo spettatore rimane esterno, non riesce ad entrare nella realtà descritta fino in fondo. Se lo scopo era dunque, quello di raccontare da un punto di vista puramente giornalistico un mondo che ha perso qualsiasi tipo di moralità, Garrone e Saviano sono perfettamente riusciti nell’impresa. Ma se bisogna giudicarlo anche dal lato meramente cinematografico il film, a livello di scrittura, manca totalmente di passione. L’autore de L’imbalsamatore, arrivato alla sua sesta regia, indugia un po’ troppo con la telecamera a mano, che a tratti stucca un po’. Alcune scene avrebbero poi meritato scelte diverse da un punto di vista tecnico (vedi alcune sparatorie), ma probabilmente si è preferito puntare su un taglio documentaristico. Davvero buone le prove degli attori anche e, soprattutto, di quelli non professionisti; una particolare menzione meritano Marco Macor e Ciro Petrone, nei panni dei due aspiranti Scarface. Con un occhio più attento al cinema e meno alla cronaca sarebbe stato perfetto. Peccato.
Voto: 7,5
Francesco Balzano

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione