prova Donnie Darko: film

Donnie Darko

Donnie Darko
Titolo originale: Donnie Darko Director's Cut
Produzione: U.S.A.
Durata: 133'
Genere: Fantasy, Fantascienza, Mistero
Regia: Richard Kelly
Uscita: 2004-11-26
Attori principali: Jake Gyllenhaal, Jena Malone, Homes Osborne, Katharine Ross, James Duval, Patrick Swayze, Drew Barrymore, Mary McDonnell
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 9.0/10 (256 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Donnie Darko è un adolescente americano in cura per problemi psichici. Una notte viene svegliato da un coniglio gigante che gli intima di alzarsi e seguirlo e gli predice la fine del mondo in 28 giorni. La mattina dopo Donnie si sveglierà in un campo da golf, mentre sulla camera in cui avrebbe dovuto dormire si è schiantato il motore di un boeing.
Recensione:
"Donnie Darko" è un film che è riuscito a creare una schiera di fan veramente accanita, ma è anche una grande delusione per chi andrà al cinema a vederlo aspettandosi di vedere il film del secolo.

Il regista è indubbiamente abilissimo nel maneggiare le telecamere e nel ricreare inquadrature sceniche di grande effetto, inoltre l'uso frequente di scene velocizzate e altri effetti speciali aiuta a costruire un'atmosfera particolarissima, perfetta per questo film. Le musiche sono ottime, i protagonisti sono molto espressivi, i personaggi ben caratterizzati e credibili e la trama interessante ed originale. Tutto questo è già molto più di quanto basta per scegliere di vedere un film al cinema!

Tuttavia "Donnie Darko" è stato presentato come un evento epico, un film unico, con una trama talmente perfetta che vederlo sarebbe dovuto essere un vero e proprio must.
Andando ad analizzare invece non c'è nulla di veramente eccezionale!

"Donnie Darko" è prima di tutto un film psicologico, un pretesto per imporre una propria visione morale allo spettatore, un mezzo tramite il quale mandare un messaggio col fine di risvegliare le menti assopite dello spettatore moderno. Ma la sua trama è tutt'altro che epocale. È un film di fantascienza dai toni cupi. La storia è carina, non scontata, ma tutt'altro che imprevedibile e imperdibile. È il montaggio che lo rende particolare e intricato creando quell'atmosfera densa di mistero che lo rende un film tipico.

Donnie Darko è quindi un film psicologico, con diversi livelli di lettura, da un lato è una sorta di Final Destination in cui ogni cosa accade perché predestinata, e non ci si può sottrarre al proprio futuro, neppure se lo si conosce. Dall'altra è un film con una morale, che vuole farci riflettere sui problemi della gioventù d'oggi, sulla corruzione, sulla presunzione, sul senso delle cose e sulla realtà stessa.

Il finale è piuttosto ambiguo e presenta numerose possibili interpretazioni alcune fantascientifiche, altre legate ai disturbi mentali del protagonista, altre ancora irrazionali o illogiche. Al regista non interessa fornire una spiegazione del tutto, ma ne fornisce più di una, ciascuna in contrasto logico con le altre. Il finale dunque, se volete, non esiste, ne esistono quattro o cinque a libera scelta dello spettatore.

Insomma, indubbiamente un film particolarissimo, che merita di essere visto, ma che potrebbe far rimpiangere i soldi del biglietto a chi va al cinema pensando di vedere un film di tutt'altro genere. Se volete il film del secolo vedetevi "Kill Bill", "Il signore degli anelli", "Spiderman" o ancora, a seconda del genere che preferite, "Il Padrino" o altri di grande fama. Se invece cercate un film che vi stupisca, vi confonda e vi lasci da pensare scegliete liberamente il film in questione!
Voto: 7,5
Gik25

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione