prova Cattive inclinazioni: film

Cattive inclinazioni

Cattive inclinazioni
Titolo originale: Cattive inclinazioni
Produzione: Italia
Durata: 91
Genere: Thriller/Giallo
Regia: Pier Francesco Campanella
Uscita: 2003-09-26
Attori principali: Eva Robin's, Mirca Viola, Elisabetta Cavallotti, Franco Nero, Florinda Bolkan, Antonio Petrocelli, Elisabetta Rocchetti, Gianna Paola Scaffidi, Rosaria De Cicco, Guido Berti.
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 5.0/10 (5 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
In un condominio di Roma un ignoto assassino uccide una maestrina scostumata servendosi di una squadra geometrica (da qui il titolo? però!), fornendo un interessante spunto a una serie di emuli. Mentre i giornalisti ci ricamano sopra, il commissario capo ha fretta di chiudere il caso ed è convinto di aver già  capito tutto, ma per fortuna c'è la solita p.m. bella e in carriera che non crede che tutto sia come sembri. Campanella punta il dito contro la TV spazzatura utilizzando la sua stessa arma, la sciatteria: peccato però che per riuscire in operazioni del genere occorra una mano ben pi๠leggera? Qua è tutto talmente mostruoso che ci si crede solo se lo si vede (suona come una minaccia, lo so); regia, sceneggiatura, dialoghi, recitazione e montaggio vanno decisamente al di là  dell'umana immaginazione, e ci vuole un'incredulità  grossa cosଠper pensare che sia tutto voluto e in linea con il messaggio del film. Il colpo di grazia poi lo assesta Franco Nero, farfugliando sciocchezze sulla giustizia vestito da barbone. D'accordo, è da ammirare il tentativo di ridare vita a un genere ? il thriller pieno di sangue e tette ? che in Italia non si pratica pi๠da decenni, ma se i risultati devono essere questi c'è poco da stare allegri. Neanche trash, neanche ridicolo involontario, solamente tanto sconforto. Per chi scrive, 91 minuti tra i pi๠strazianti e insostenibili di sempre come spettatore.
Recensione:
In un condominio di Roma un ignoto assassino uccide una maestrina scostumata servendosi di una squadra geometrica (da qui il titolo? però!), fornendo un interessante spunto a una serie di emuli. Mentre i giornalisti ci ricamano sopra, il commissario capo ha fretta di chiudere il caso ed è convinto di aver già capito tutto, ma per fortuna c'è la solita p.m. bella e in carriera che non crede che tutto sia come sembri. Campanella punta il dito contro la TV spazzatura utilizzando la sua stessa arma, la sciatteria: peccato però che per riuscire in operazioni del genere occorra una mano ben più leggera… Qua è tutto talmente mostruoso che ci si crede solo se lo si vede (suona come una minaccia, lo so); regia, sceneggiatura, dialoghi, recitazione e montaggio vanno decisamente al di là dell'umana immaginazione, e ci vuole un'incredulità grossa così per pensare che sia tutto voluto e in linea con il messaggio del film. Il colpo di grazia poi lo assesta Franco Nero, farfugliando sciocchezze sulla giustizia vestito da barbone. D'accordo, è da ammirare il tentativo di ridare vita a un genere – il thriller pieno di sangue e tette – che in Italia non si pratica più da decenni, ma se i risultati devono essere questi c'è poco da stare allegri. Neanche trash, neanche ridicolo involontario, solamente tanto sconforto. Per chi scrive, 91 minuti tra i più strazianti e insostenibili di sempre come spettatore.


Si ringrazia AlexVisani.comper la recensione
Voto: 1,0
Giacomo Calzoni

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione