prova Blood Feast 2: film

Blood Feast 2

Blood Feast 2
Titolo originale: BLOOD FEAST 2 - All U Can Eat
Produzione:
Durata:
Genere: Horror
Regia: Herschell Gordon Lewis
Uscita: 0000-00-00
Attori principali:
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 0.0/10 (0 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Nonno Lewis è tornato !!! Scusate l’emozione, ma visionare un nuovo film (dopo 30 anni di silenzio) del padre dello splatter non poteva che provocarmi un terremoto emotivo. E poi ripresentarsi con un sequel del leggendario “Blood Feast” non è cosa da poco, diciamocelo. Fuad Ramses III, parente del crudele Fuad Ramses che macellò diverse fanciulle negli anni ’60 in onore della dea Isthar, decide di riaprire il ristorante del nonno per condurre una vita tranquilla. Ovviamente lo spirito famelico di Isthar (la cui statua, clamorosamente, si trova ancora nel negozio !!!) lo possiederà spingendolo a riprendere le sanguinose gesta sacrificali. Bene, ora basta con la trama e diamoci dentro col sangue e le budella al vento ! Il produttore Friedman ed il regista Lewis tornano insieme partorendo questo film che celebra i “fasti” del loro passato e (perché no?) cerca di guadagnare sfruttando la vasta schiera di fan in attesa di tale evento. Lo splatter è dosato in abbondanza e l’ironia sfocia nella demenzialità pura, senza remore. Certo, i tempi sono cambiati e di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia…e cosi’, Lewis si adatta a nuovi canoni del cinema usando steadycam (molti di quelli che conoscono il suo stile potrebbero essere colti da malore improvviso nel vedere carrellate e contro-carrellate al posto dei consueti, estenuanti, piani fissi), montaggio curato, attori piì o meno decorosi e ragazze siliconate. I nostalgici potrebbero non apprezzare, ma il cambio è inevitabile anche se fa perdere l’alone sleaze, e genuinamente trash, dei vecchi film di Lewis. Per il resto ci troviamo dinanzi ad un prodotto modesto ma divertente, tempestato di gags demenziali, pieno di citazioni ed auto-citazioni ed irrorato di sangue. Efficaci gli effetti splatter (che giustamente bandiscono la computer grafica in onore di frattaglie e lattice) con decapitazioni, sbudellamenti, occhi cavati ed amputazioni assortite. Gustoso il cammeo di John Waters nei panni di un reverendo. Aldilà dei meriti e dei limiti del film (che comunque critica con ironia feroce l'abitudine-vizio di ingozzarsi degli americani), quel che conta è che nonno Lewis ci abbia di nuovo onorato della sua presenza. Per molti vorrà dire poco, o nulla, ma per me che lo considero un elemento cardine per il cinema horror (e, a dirla tutta, anche per il cinema in generale) è stata una gioia visionare questo “Blood Feast 2”. Che emozione !!!

Si ringrazia
AlexVisani.com

per la recensione
Voto: 6,5
AlexVisani.com

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione