prova Basta che funzioni: film

Basta che funzioni

Basta che funzioni
Titolo originale: Whatever Works
Produzione: Usa, Francia
Durata: 92
Genere: Commedia
Regia: Woody Allen
Uscita: 2009-09-18
Attori principali: Larry David, Adam Brooks, Henry Cavill, Yolonda Ross, Evan Rachel Wood, Clifford Lee Dickson, Carolyn McCormick, Ed Begley Jr., John Gallagher Jr., Steve Antonucci, Patricia Clarkson, Michael McKean, Nicole Patrick, Lyle Kanouse
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 0.0/10 (0 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Boris è un irascibile misantropo che incontra una giovane, timida e suggestionabile ragazza del sud fuggita da casa. Quando i genitori della ragazza giungono a New York per salvarla, verranno velocemente e selvaggiamente risucchiati in inattesi intrighi sentimentali. Ma alla fine tutti capiranno che per trovare l'amore ci vuole una giusta dose di fortuna abbinata alla capacità di riconoscere tutto ciò che potrebbe funzionare.
Recensione:
Woody Allen torna a New York, e si vede, si sente, si respira. Finalmente realizza nuovamente una commedia brillante, con battute esilaranti e riflessioni sulla vita questa volta ancora più abrasive del solito. Come suo alter ego sceglie un personaggio cinico, misantropo e ipocondriaco di quelli che una volta interpretava lui stesso. Il suo nome è Boris Yellnikoff, ebreo, forse un tempo genio della fisica quantistica interpretato da un attore e produttore già intravisto nei suoi film, Larry David, che nella storia, senza farsi scrupolo, si rivolge direttamente dallo schermo a noi spettatori e ci delizia o deprime (dipende dal vostro stato d'animo) con un monologo irriverente e divertentissimo. Boris ospita una sera una ruspante ragazza dalla provincia del sud, Melody, che considera una perfetta scema; poi i suoi sentimenti cambiano e, quasi senza rendersene conto, la sposa. A turno arrivano anche madre e padre della ragazza: due persone bigotte e sessualmente frustrate. Intanto Melody incontra un ragazzo bellissimo e lascia il povero Boris. Nel prologo Boris ci aveva avvertiti di non aspettarci un film consolatorio, eppure, nel finale ciascuno troverà il suo provvisorio posto nel mondo. In realtà è proprio il finale la nota dolente del film perché è troppo forzato e a tratti un po' patetico nel suo voler essere a tutti i costi saggio e consolatorio. Ad ogni modo “Basta che funzioni", che a prima vista può apparire come una commedia semplice, è in realtà un film complesso che trasuda ironia e sarcasmo senza filtri. Vedere questo film è come vedere un classico di Allen, quello che appunto nonostante tutto non tramonta mai, quello che solo lui sa fare con un'ironia così corrosiva, pungente ma estremamente elegante. Molto bravi tutti gli interpreti, diretti egregiamente e delineati nel loro ruolo con poche ma efficaci pennellate. Tutti sono un po' sopra le righe e a volte vere e proprie macchiette, come nella buona tradizione di Allen, ma tutti sono specchio di umanità autentiche, diverse ma in fondo unite dalla medesima smania di trovare il proprio posto nel mondo, che sia a vent'anni o a settanta. Molto gradevole, davvero lontano dal pessimo Vicky Cristina Barcellona dove Allen, con una delle sue operine pro loco (nel senso di sponsorizzate dall’ufficio del turismo locale), come disse una giornalista lo scorso anno, portava anche a galla la sua parte più patetica e volgare. E' chiaro che lo spettatore che ha visto decine di pellicole di Allen potrà trovare il film ripetitivo e stracolmo di cose già viste più volte nei suoi numerosissimi lavori e quindi biasimarlo per aver fatto l'ennesima commedia sagace non diversa da altre. Eppure qui il ricorso a battute ciniche avviene come non mai (si pensi alla battuta: "Dio è gay ... il grande arredatore", oppure "gli americani odiano gli stranieri, questo è l'american dream"). Tuuto questo dimostra come quanto più si invecchia tanto più ci si allontana da una certa visione delle cose e del mondo e si impara a non prendersi più tanto sul serio. Regola che forse dovrebbe valere sempre, sembra dirci alla fine il protagonista del film.
Voto: 8
Stefania Muzio

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione