prova Alien: film

Alien

Alien
Titolo originale: Alien
Produzione: Usa
Durata: 1h e 57'
Genere: Fantascienza
Regia: Ridley Scott
Uscita: 1979-01-01
Attori principali: Tom Skerritt, Harry Dean Stanton, John Hurt, Sigourney Weaver, Bolaji Badejo, Ian Holm
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 8.4/10 (73 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Missione di ricognizione per la mastodontica astronave ?Nostromo?, l?equipaggio viaggia in ?letargo? indotto ma viene bruscamente svegliato. Si pensa che il motivo del risveglio sia l?estrema vicinanza del pianeta terra ma non è cosଠ(purtroppo); un segnale di S.O.S viene inviato da un pianeta sconosciuto, la Nostromo atterra.
Due volontari escono dall?astronave per esplorare il pianeta nelle immediate vicinanze, e rinvengono una struttura indefinibile, gigantesca, aliena.
Uno degli astronauti, introdottosi nella navicella ?straniera? viene improvvisamente attaccato da una creatura sconosciuta?.è l?inizio di un incubo senza fine.
Anno 1979, da non credere. Mitico, colossale, capolavoro. Effetti speciali all?avanguardia, colori tetri, pesanti, colonna sonora funerea, il panico si insinua lentamente tra le coscienze.
30 anni di fortunati film di fantascienza hanno dato buoni frutti, da ?La guerra dei mondi? a ?Gli invasori spaziali? (anni ?50), da ?Attacco alla terra? a ?La morte scarlatta viene dallo spazio?. Ridley Scott ha concretizzato le lezioni del passato in una pellicola davvero insuperabile nel suo genere, l?horror fanta-scientifico.
Sembra un film dei giorni nostri, se non fosse per la giovane età  di Sigourney, nel film che la lanciò in una brillante carriera cinematografica. La trama è indiscutibile, perfetta, l?equipaggio all?altezza delle aspettative; atterrare su un pianeta sconosciuto non è proprio il massimo della vita: condizioni atmosferiche totalmente ostili, un vento gelido che avvolge pareti di roccia scura insormontabili.
L?astronave aliena si staglia in tutta la sua magnificenza nella valle, è un gigantesco anello spezzato, tecnologia lontana anni luce da quella terrestre, tutto questo non fa che terrorizzare l?equipaggio.
Impossibile distogliere lo sguardo dalle uova aliene che stanno per schiudersi, e poi, i primi attacchi, la voracità  delle creature è impressionante, biologicamente perfette, delle macchine da guerra indistruttibili, acido al posto del sangue, si disfano delle cellule corporali periodicamente assumendone altre (dagli uomini o da altri animali) per avere uno strato di pelle supplementare inscalfibile. Senza parole. Mostruoso.
Nulla da fare contro Alien, utilizza gli esseri umani come pile, ha una rapidità  di crescita e di adattamento atmosferico sorprendente.
Davanti a determinate scene non si può far altro che rimanere a bocca aperta e ammirare la potenza visiva della paura materializzata. Un essere apocalittico, puro, privo di coscienza, senza rimorso, un demone del mondo antico.
Veramente un film imperdibile e sconvolgente per l?epoca, Ridley Scott stra osannato per la resa sul grande schermo di un progetto molto pretenzioso. Da vedere assolutamente a notte inoltrata e da soli?.
Recensione:
Missione di ricognizione per la mastodontica astronave "Nostromo", l'equipaggio viaggia in "letargo" indotto ma viene bruscamente svegliato. Si pensa che il motivo del risveglio sia l'estrema vicinanza del pianeta terra ma non è così (purtroppo); un segnale di S.O.S viene inviato da un pianeta sconosciuto, la Nostromo atterra.
Due volontari escono dall'astronave per esplorare il pianeta nelle immediate vicinanze, e rinvengono una struttura indefinibile, gigantesca, aliena.
Uno degli astronauti, introdottosi nella navicella "straniera" viene improvvisamente attaccato da una creatura sconosciuta..è l'inizio di un incubo senza fine.
Anno 1979, da non credere. Mitico, colossale, capolavoro. Effetti speciali all'avanguardia, colori tetri, pesanti, colonna sonora funerea, il panico si insinua lentamente tra le coscienze.
30 anni di fortunati film di fantascienza hanno dato buoni frutti, da "La guerra dei mondi" a "Gli invasori spaziali" (anni '50), da "Attacco alla terra" a "La morte scarlatta viene dallo spazio". Ridley Scott ha concretizzato le lezioni del passato in una pellicola davvero insuperabile nel suo genere, l'horror fanta-scientifico.
Sembra un film dei giorni nostri, se non fosse per la giovane età di Sigourney, nel film che la lanciò in una brillante carriera cinematografica. La trama è indiscutibile, perfetta, l'equipaggio all'altezza delle aspettative; atterrare su un pianeta sconosciuto non è proprio il massimo della vita: condizioni atmosferiche totalmente ostili, un vento gelido che avvolge pareti di roccia scura insormontabili.
L'astronave aliena si staglia in tutta la sua magnificenza nella valle, è un gigantesco anello spezzato, tecnologia lontana anni luce da quella terrestre, tutto questo non fa che terrorizzare l'equipaggio.
Impossibile distogliere lo sguardo dalle uova aliene che stanno per schiudersi, e poi, i primi attacchi, la voracità delle creature è impressionante, biologicamente perfette, delle macchine da guerra indistruttibili, acido al posto del sangue, si disfano delle cellule corporali periodicamente assumendone altre (dagli uomini o da altri animali) per avere uno strato di pelle supplementare inscalfibile. Senza parole. Mostruoso.
Nulla da fare contro Alien, utilizza gli esseri umani come pile, ha una rapidità di crescita e di adattamento atmosferico sorprendente.
Davanti a determinate scene non si può far altro che rimanere a bocca aperta e ammirare la potenza visiva della paura materializzata. Un essere apocalittico, puro, privo di coscienza, senza rimorso, un demone del mondo antico.
Veramente un film imperdibile e sconvolgente per l'epoca, Ridley Scott stra osannato per la resa sul grande schermo di un progetto molto pretenzioso. Da vedere assolutamente a notte inoltrata e da soli..
Voto: 9,0
Emiliano

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione