prova 1408 - speciale: film

1408 - speciale

1408 - speciale
Titolo originale: 1408
Produzione: Usa
Durata: 94
Genere: Horror
Regia: Mikael H?fstr?m
Uscita: 2007-11-23
Attori principali: John Cusack, Samuel L. Jackson, Emily Harvey, Jasmine Jessica Anthony, Noah Lee Margetts, Tony Shalhoub, Alexandra Silber, Mary McCormack
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 7.2/10 (13 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Mike Enslin (John Cusack) è un famoso scrittore di fantasmi. Alla stregua di San Tommaso crede solo in ciò che esclusivamente vede con i propri occhi, perciò viaggia da una città all’altra dell’America alla ricerca di leggende paranormali da screditare.
Dopo essere venuto a conoscenza di una camera particolarmente famosa per l’alto numero di suicidi, la 1408 del Dolphin Hotel, decide di recarvisi noncurante del pericolo.
Recensione:
Girata quasi interamente all’interno della stanza, le musiche ben si prestano a rendere il clima di tensione all’interno delle mura, inizialmente immacolate. Il coinvolgimento è immediato con la frenesia della telecamera chiusa in spazi angusti e inquietanti, coadiuvata dai repenti sbalzi di ritmo che portano lo scrittore in un vortice claustrofobico di delirio e realtà. Le azioni sempre più esagitate sfumano il confine fra follia e lucidità e grazie anche a cambi improvvisi di visuale, non senza spaventi ci si trova immersi non più nella stanza dell’hotel, ma fra le pareti della mente umana, rappresentata Mike Enslin. In un increscioso di disperazione interiore, l’annichilimento è inevitabile: Mikael Hafstrom ci regala ambientazioni in continua metamorfosi fino alla devastazione totale, il buio della mente umana vinta dalla sua parte oscura, il male, parassita vorace di angosce e traumi mai superati. Il film è l’ennesima trasposizione cinematografica di uno degli innumerevoli bestseller di Stephen King, portavoce letterario dell’eterna contrapposizione fra bene e male. 1408 è una delle tante facce del prisma di cui lo scrittore americano si è servito. La stessa che, fra l’altro, Mikael Håfström rielabora in senso cinematografico presentandoci un prodotto conforme all’originale, mirato all’intrattenimento senza pretese classistiche. E dopo varie delusioni alle spalle, realizza un horror coinvolgente e inquietante, andando oltre alle aspettative.
Voto: 7
Paola Priola

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione