prova Vanishing on 7th street: film

Vanishing on 7th street

Vanishing on 7th street
Titolo originale: Vanishing on 7th street
Produzione:
Durata: 1h 25
Genere: Horror
Regia: Brad Anderson
Uscita: 2010-11-27
Attori principali: Hayden Christensen, Thandie Newton, John Leguizamo, Jacob Latimore, Jordan Trovillion, Taylor Groothuis
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 7.0/10 (1 voto)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Luke si sveglia dopo una notte di baldoria e scopre di essere solo nell'intero palazzo. Uscito in
strada si accorge che anche fuori le persone sono di colpo sparite, lasciando però i loro abiti e gli
oggetti per terra. Presto scoprirà che il buio che si sta avvicinando sempre di più è direttamente
collegato alla sparizione della cittadinanza.
Recensione:
Diciamolo subito: questo film non è neanche lontanamente paragonabile a L'Uomo senza sonno, meno che mai a Session9, ma potrebbe certo esser stato girato da chi già dava segni di cedimento verso l'ovvio con Transsiberian. Però nulla di quel che potreste aver pensato vedendo quest'ultimo potrà mai prepararvi alla visione di questo Vanishing on 7th street. Nulla. In rete un certo numero di fan appassionati farnetica di simbolismi e significati profondi, ma non è certo un film di Lynch quello di cui stiamo parlando. Vanishing on 7th street è un brutto telefilm della serie Ai confini della realtà, di quelli riusciti male e girati con due lire, ma pretenziosi da far venire rabbia già ai titoli di testa. Pretenzioso come un film di Richard Kelly, ma senza nemmeno essere ridicolo come il triste remake di The Box. Luke, un sonnolento e poco espressivo Hayden Christensen, si sveglia in un appartamento vuoto. Intorno qualche candela accesa e nessuna traccia della sua ragazza. Esce e si trova costretto a fare le scale, dal momento che la corrente sembra esser mancata. Manca anche il portiere e tutti gli altri inquilini del palazzo. Uscito in strada scopre un bel po'di vestiti per terra, auto abbandonate e oggetti sparsi. Ma niente gente. Proprio nulla. E questo, persino a una salma priva di cervello come pare essere il nostro protagonista, dovrebbe stimolare qualche domanda, o anche un minimo di perplessità. Ma lui, con stampata in faccia la sua migliore espressione corrucciata, la quale somiglia pericolosamente a un broncio, si aggira per la città deserta cercando gente, con l'indolenza tipica di chi continua a chiedersi se sta sognando o davvero tutti sono spariti giusto per fargli uno scherzo. Appena fa buio, dopo circa un quarto d'ora che è sorto il sole, si trova miracolosamente in un bar di cui ha visto le luci dalla strada buia. Appena in tempo per sfuggire a un brutto effettaccio in computer grafica che lentamente oscura i muri e si mangia la gente. Solo le persone, niente vestiti firmati, né telefonini all'ultima moda. Perché gli oggetti non ci definiscono come persone, anche se ci fanno sembrare fighissimi e molto trendy. Sorvoleremo sul delirio religioso su cui lo intrattiene la poveretta che incontra là dentro, una incavolata Thandie Newton, così rabbiosa da far desiderare che il buio se la mangi per prima, proprio mentre ci rende edotti sulla sua conversione dopo una vita dissoluta. Cosa che, inutile dire, allo spettatore a quel punto non potrebbe importare di meno. E anche sulle scemate a proposito di luoghi deserti, che prima erano abitati e poi si sono svuotati di colpo, su cui un triste operatore di multisala, ispanico e acculturato dai giornaletti per fanatici degli UFO, discetta dopo aver candidamente ammesso di aver appena avuto una botta in testa. Il tutto procede così tristemente tra un delirio religioso e un racconto fantastico sui luoghi visitati dagli alieni, mentre lo spettatore si chiede con una certa impazienza dove essi vogliano andare a parare. E proprio quando stiamo per addormentarci, complice tutto quel buio e le ninna nanne religiose, un'idea fa capolino all'interno della sceneggiatura, ma si tratta di una tale stupidaggine che ci si copre di ridicolo anche solo a ripeterla. Una scemata simile fa sembrare quel delirio di E Venne un giorno una sceneggiatura scritta da Bergman. E sulla tensione della scoperta di questo sottile ma inequivocabile messaggio tessuto abilmente nella trama del suo ultimo film da un regista ormai agli sgoccioli, lasceremo lo spettatore a domandarsi se sia il caso o meno di avventurarsi per visionare l'opera del declino di un onesto regista, o mantenere inalterato il ricordo delle sue cose migliori fingendo che questo telefilm sia stato girato da un omonimo.
Voto: 4,0
Anna Maria Pelella

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione