prova Ti va di pagare? - Priceless - recensione trama film

Ti va di pagare? - Priceless: trama e recensione

Ti va di pagare? - Priceless
Titolo originale: Hors de prix
Produzione: Francia
Durata: 104
Genere: Commedia
Regia: Pierre Salvadori
Uscita: 2007-06-22
Attori principali: Audrey Tautou, Gad Elmaleh, Jacques Spiesser, Jean de Coninck, Annelise Hesme, Charlotte Vermeil, Vernon Dobtcheff, Laurent Claret, Claudine Baschet, Marie-Christine Adam
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 6.6/10 (10 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Una sera in un hotel la bella Irène( Audrey Tatou) incontra Jean (Gad Elmaleh) cameriere tuttofare, scambiandolo per un potenziale cliente decide di passare la notte con lui. La mattina dopo scoperta la vera identità di Jean, la sexy accompagnatrice parte con il suo compagno, ma tornerà nell’hotel un anno dopo per aiutare lo sfortunato e squattrinato cameriere nella carriera da accompagnatore.

Recensione:
Seguendo la scia delle commedie brillanti francesi, Pierre Salvadori dirige questa frizzante rappresentazione dell’amore al tempo del vil denaro. Vestiti firmati, serate in ristoranti facoltosi e viaggi in paesi che tutte le brave ragazze sognano di visitare sono gli ingredienti, e le ragioni, per cui Irène, la protagonista della storia, decide di accompagnarsi a signori in avanzata età, dal portafoglio traboccante. Sfruttando ciò che crede di renderla felice la ragazza tenta di approntare una vera e propria scalata sociale per sistemarsi a vita. L’incontro con Jean (interpretato da Gad Elmaleh già presente in un altro film commedia francese “Una top model nel mio letto”) le permetterà di notare le sfaccettature della sua vita portandola a confrontarla con quella reale, dimostrando che si può truffare in quasi tutto, tranne che nei sentimenti. Tanti i momenti di ilarità che costellano la sceneggiatura in cui il povero Jean non riesce a scrollarsi di dosso la sua identità di cameriere o di facchino, cosa che gli permetterà di risultare affascinante agli occhi di una vedova cliente fissa dell’albergo. Non si può certo dire che sia un soggetto originale quello scelto, ma la bravura degli attori e la bella scrittura dei dialoghi sopperiscono alla mancanza di mordente di una storia che si tira addosso un finale intuibile. D’altraparte pretendere una trama ardita e sconvolgente in storie che mescolano soldi e realizzazione personale è da spettatore poco giudizioso, il famoso detto “i soldi non danno la felicità” è conosciuto internazionalmente, ed è anche il filo conduttore di tutta la pellicola. Il personaggio di Irène, quasi spietato nella volontà di raggiungere la sicurezza economica e il suo esatto contrario ritrovabile in Jean che invece è disposto a tutto pur di ottenere la sicurezza sentimentale, creano un bilanciamento piacevole da seguire, con note brillanti nei momenti in cui la fisicità degli attori è sfruttata nel modo giusto. Finalmente la Tatou riesce a scrollarsi di dosso la sua interpretazione più famosa, dopo il fiasco de "Il codice da Vinci”, che la vedeva sognante e invisibile nel favoloso mondo di Amelie, cedendo ad un ruolo sexy e appassionato che le calza a pennello, mentre Elmaleh conferma una carriera in ascesa nel firmamento d’oltralpe, che potrà rimpiazzare con successo alcune vecchie glorie dagli stessi natali. Non si può comunque eccedere nell’entusiasmo da visione scanzonata: “Hors de Prix”, questo il titolo originale che letteralmente è “oltre qualsiasi prezzo” o “inarrivabile”, è e rimane una pellicola leggera ed estiva, una storia che spaventa le carte di credito e risolleva i cuori turbati.
Voto: 6
Ambra Zamuner

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione