prova Le vite degli altri - recensione trama film

Le vite degli altri: trama e recensione

Le vite degli altri
Titolo originale: Das Leben Der Anderen
Produzione: Germania
Durata: 137
Genere: Drammatico
Regia: Florian Henckel von Donnersmarck
Uscita: 2007-04-06
Attori principali: Martina Gedeck, Ulrich M?he, Sebastian Koch, Ulrich Tukur, Thomas Thieme, Hans-Uwe Bauer, Ludwig Blochberger, Werner Daehn
Scheda di Opinioni
Vota il film:

- Voto: 6.2/10 (13 voti)

Commenti


Commenta il film!

Trama:
Ambientato negli anni 80, Georg Dreyman, drammaturgo, e Christa-Maria Sieland, sua compagna ed attrice, si trasferiscono a Berlino Est. Sono persone di spicco nel panorama intellettuale. Quando il ministro della cultura vedrà la moglie, si invaghirà e incaricherà agenti speciali in grado di osservare i loro interessi..
Recensione:
Opera prima, dopo vari lavori poco edificanti, del regista tedesco che ci proietta direttamente nelle atmosfere cupe e misteriose del controllo. Storia di una giornata tipo di un agente della Stasi: Gerd Wiesler è famoso per i suoi interrogatori convincenti e per questo motivo viene incaricato di spiare Georg Dreyman, uno scrittore di teatro fedele al regime, e la sua fidanzata Christa- Maria oggetto delle attenzioni di un ministro. La figura del capitano, interpretato dal sublime Ulrich Muhe, è subito posta in primo piano per la rigidità  del suo comportamento e l'impassibilità . La casa riflette la sua vita, tristemente spoglia, vuota, priva di affetti e di calore. La rigidità  e gli occhi gelidi di chi riesce a infliggere dolore, anche di tipo psicologico, subiranno un cambiamento radicale a contatto con il sentimento profondo per l'arte e l'amore, attraverso il suono di un pianoforte. Intensa la prova di Martina Gedeck nel ruolo della prima attrice, umana e fragile, totalmente dipendente dal suo pubblico e dal lavoro. Non si può fare a meno di notare, inoltre, uno squisitamente detestabile Thomas Thieme nel ruolo del ministro Hempf. L'atmosfera in cui ci trasporta la pellicola è quella della mancanza di libertà  (d'opinione, espressione, comunicazione), di privacy, che mai come oggi è argomento di attualità  imponente, e privazione di contatto. La corruzione, l'ingiustizia delle torture, la voglia di riscatto soffocata dal timore delle ritorsioni trovano spazio nel grigio della periferia tedesca, soffocante nella sua quotidianità . Lo spessore della storia non esclude una sottile ironia fumettistica, che fa capolino a caratterizzare alcune situazioni grottesche, creando piacevolissimi intervalli inaspettati. Lunghe carrellate sui luoghi, intense inquadrature in zone anguste e in spazi aperti, ma claustrofobici, ci portano nel mondo circoscritto di Donnersmarck, che è riuscito con abilità  a destreggiarsi fra il lavoro alla cinepresa e alla sceneggiatura. Tutto ciò e molto altro è questo splendido spaccato di una realtà  crudele e tangibile, da custodire come uno dei migliori esempi di settima arte degli ultimi 10 anni.
Voto: 10
Ambra Zamuner

Leggi i commenti Collabora con noi! Invia una recensione