Man on Fire

Trama e Recensione di:
Man on Fire


Voto: 8,0

Gik25

Scheda di Opinioni

Vota il film:


Titolo originale: Man on Fire
Produzione: Messico/Usa
Durata: 2h e 26'
Genere: Azione
Regia: Tony Scott
Uscita: 10 Settembre 2004
Attori principali: Denzel Washington, Dakota Fanning, Rachel Ticotin, Marc Anthony, Radha Mitchell, Mickey Rourke, Giancarlo Giannini, Christopher Walken

Trama:
Un ex poliziotto con una brillante carriera sulle spalle si trova a lavorare come guardia del corpo in Messico per pochi spiccioli. Il numero di rapimenti è incredibilmente alto e quando la bambina che deve proteggere, e a cui si è enormemente affezionato, sarà rapita deciderà di farsi giustizia da solo facendo stragi tra i suoi nemici.


Recensione:
Per certi versi la si potrebbe considerare la solita americanata, ma non si può negare che sia diretta con stile e attenzione. Quindi se non altro è un'americanata di classe. L'argomento e la prima parte del film inoltre hanno un aspetto molto diverso da quello che questa definizione lascerebbe immaginare: la serietà dell'argomento rapimenti di bambini è di fatto sufficiente a far riflettere e il tema dell'alcool, quello dell'amicizia e dell'affetto verso la bambina da parte di un uomo smarrito che ritrova se stesso proprio in quella relazione rende il film tutt'altro che superficiale.

Nel secondo tempo invece abbiamo un film che ci appare essere di tutt'altro genere: azione, un uomo solo capace di sgominare una potente organizzazione criminale, ecc.

Tuttavia credo che siano moltissimi gli spettatori che rientrano nel target d'utenza del film in questione. Chiunque vuole vedere il buono vincere sui cattivi, tanto più se i cattivi indirizzano la loro malvagità verso una bambina dolce e indifesa.

Insomma, "Man on fire" è, a mio avviso, un ottimo film. Con buoni attori, un regista molto capace e una trama interessante, ispessita da personaggi con una propria ragion d'essere e una psicologia di carattere tutt'altro che secondario. Un film che consiglio di vedere a chiunque senza remore.


Voto: 8,0